Pe­ri­ti SIA − una pie­tra mi­lia­re

Dal 1° gennaio 2020, la Società svizzera degli ingegneri e degli architetti mette a disposizione un albo con elencati tutti i periti SIA. L’albo è pubblico e consultabile sul sito della Società.

Data di pubblicazione
02-04-2020
Sacha Menz
Professore di Architettura e Metodi di costruzione al Politecnico federale di Zurigo, partner SAM Architekten und Partner AG, Zurigo
Walter Maffioletti
Avvocato, lic. iur. / SIA, responsabile SIA-Diritto e membro della Direzione

La SIA sa ormai da tempo quanto siano richieste le competenze dei propri esperti per l’esecuzione di perizie, e il crescente numero di domande giunte in tal senso da parte di committenti, progettisti e autorità lo conferma a chiare lettere. Dal 1° gennaio 2020 è disponibile sul sito web della SIA il primo albo pubblico in cui sono elencati tutti i periti SIA.

Risolvere i conflitti

Che cosa ha spinto la Società svizzera degli ingegneri e degli architetti a dare vita, formalmente, alla figura di «perito SIA»? Prendiamo brevemente in esame quattro casi.

  1. Un committente si rifiuta di pagare al proprio architetto l’intero onorario, in ragione di alcune prestazioni eseguite secondo lui in modo lacunoso.
  2. L’ufficio tecnico di un Comune di medie dimensioni mette in dubbio che durante l’esecuzione di un ponte siano state rispettate le norme tecniche.
  3. Una fondazione che gestisce un museo lamenta la cattiva areazione delle sale espositive e suppone che in materia di tecnica impiantistica siano stati commessi errori di progettazione.
  4. Su un terreno si pianifica la costruzione di un ospedale, le parti coinvolte non sono tuttavia d’accordo in merito alla necessità di apportare alcuni provvedimenti di natura geologica prima di cominciare la progettazione.

Questi quattro esempi hanno almeno un punto in comune: con l’intervento di un perito SIA, è possibile valutare tutte le circostanze e trovare una soluzione.

183 anni di storia societaria senza la figura formale di «perito SIA»

Da quasi 183 anni la SIA porta avanti il proprio lavoro senza la figura formale di un perito, dato che i membri SIA hanno già, a priori, ruolo e funzione di esperti, in virtù dello Statuto. La decisione di introdurre formalmente questa figura sta già arrovellando alcuni professionisti del ramo che si sono chiesti quali siano le ragioni che abbiano spinto la SIA a questo cambio di paradigma. La scelta è legata soprattutto al fatto che sempre più protagonisti della scena della costruzione si rivolgono alla SIA per una perizia, ciò benché vi siano anche altre istituzioni a offrire tale servizio mettendo a disposizione i propri specialisti. ­Tale crescita della domanda ha spinto la SIA a creare il profilo del «perito SIA».

Riportare armonia

I periti SIA sono membri SIA che, grazie alle straordinarie competenze specialistiche di cui si avvalgono, hanno la capacità di valutare un caso, in modo da prevenire litigi o risolvere eventuali controversie già insorte. Tra i requisiti che i periti SIA devono soddisfare vi sono: affidabilità, coscienziosità, integrità, eccellenti competenze in un determinato ambito tecnico, almeno dodici anni di esperienza professionale e spiccata capacità nel risolvere i conflitti.

Recentemente è stato creato il Collegio dei periti SIA che, con la relativa sezione, verifica se i potenziali periti SIA soddisfano pienamente i requisiti posti. Il Collegio è composto da professionisti che rappresentano i diversi ambiti specialistici e provengono da tutte le regioni linguistiche della Svizzera. Il Comitato SIA conferma l’iscrizione all’albo. È evidente che, ai sensi della legislazione vigente, ogni membro SIA potrà continuare a effettuare perizie, tuttavia non potrà aggiungere la denominazione di «perito SIA» nel suo titolo professionale.

Svizzera romanda: pioniera

La Svizzera romanda è stata la prima a percepire la forte richiesta di periti SIA, tant’è che le sezioni SIA locali, con spirito pionieristico, hanno già creato alcuni anni fa il profilo del «perito SIA». In merito esiste un elenco pubblico valido sino alla fine del 2020. Ora l’esigenza di creare un elenco simile si è resa manifesta anche nelle restanti regioni della Svizzera. I periti SIA sono interpellati per le questioni più diverse, sia per eseguire perizie per privati sia per risolvere situazioni problematiche, oppure sono incaricati da un’autorità giudiziaria e chiamati a intervenire nell’ambito di un processo legale.

Un lavoro basato sul diritto privato

Chi desidera inviare la propria candidatura ed essere ammesso all’albo dei periti SIA deve presentare la richiesta alla propria sezione. L’intervento di questi specialisti avviene in virtù del diritto privato e va regolamentato tra mandante e perito. La SIA si limita a controllare e ad aggiornare l’albo.

L’aumento registrato per quanto concerne la domanda di perizie è sintomatico e comprova che vi sia una carenza di competenze tecniche da parte di numerosi attori coinvolti nel settore della costruzione, e ciò nelle più diverse discipline. Mettendo a disposizione i propri specialisti, la SIA può apportare un contributo importante e migliorare la situazione.

Articoli correlati