Sun­ni­ge Hof

Riqualificazione del quartiere residenziale Sunnige Hof, realizzato dall’architetto Sauter Dirler nel 1953 ad Albisrieden (Zurigo).

Data di pubblicazione
19-06-2014
Revision
15-10-2015

Il quartiere residenziale Sunnige Hof, realizzato dall’arch. Sauter Dirler nel 1953 ad Albisrieden, è l’esempio di come sia possibile trovare il giusto compromesso tra la conservazione del concetto della città giardino e la pressione abitativa crescente. 

Sul fronte strada il modello tipico dell’ampliamento urbano di Zurigo secondo l’ideale della città giardino in voga negli anni Cinquanta – con il «tappeto verde», gli alberi caratteristici e le strette costruzioni a schiera tipiche dell’epoca –, viene mantenuto e sottoposto a leggeri interventi di riqualificazione. Le sei schiere «posteriori» vengono demolite e sostituite con sei nuovi edifici che offrono spaziosi appartamenti per famiglie, raddoppiando così la densità abitativa nella parte retrostante. Attualmente le «vecchie» case sono prevalentemente abitate da coppie di anziani nella fase del «nido vuoto». Il risanamento degli edifici esistenti e le nuove costruzioni determinano una miscellanea sociale; in particolare, le persone più anziane possono (grazie alla riqualificazione «leggera» anche in termini finanziari) restare dove hanno vissuto sinora e le famiglie giovani possono abitare vicino ai genitori (sostenibilità sociale).

I massicci corpi di fabbrica si inseriscono tra gli alberi come un banco di pesci. Gli alberi fanno da trait d’union tra i corpi di costruzione e sono l’elemento di coesione del quartiere residenziale. Il parcheggio posto in posizione centrale, assicura la conservazione del patrimonio arboreo. I balconi ad angolo arrotondati reagiscono in modi diversi ai rispettivi alberi, creando per ogni appartamento una relazione unica tra interno ed esterno e mantenendo l’importante visuale sullo spazio all’aperto. Un lucernario zenitale interno illumina la scala centrale. 

La facciata con intonaco chiaro è tipica di questa tipologia costruttiva: le finestre a nastro e le logge ad angolo si sviluppano sui lati più corti garantendo ampi spazi di soggiorno con vista panoramica sulverde circostante. Sui lati più lunghi, le finestre delle camere, quadrate e strombate sui quattro lati, creano un piacevole contrasto e rispecchiano la funzione degli spazi interni, chiudendosi verso l’esterno. I pianterreni sono in realtà dei piani rialzati e in parte ospitano asilo nido e residenza per anziani. 

Il concept cromatico di grande impatto ricorda, con i tre colori primari, le costruzioni di Bruno Taut a Berlino. Rosso, blu e verde sono applicati in ogni blocco in modo diverso e colorano i telai delle finestre, le strombature o le tende.

 

Committente: Siedlungsgenossenschaft Sunnige Hof, Zurigo 
Impresa totale: HRS Real Estate AG; Zurigo
Architettura: burkhalter sumi architekten; Zurigo
Collaboratori: A. Tavli, K. Alda, B. Ruppeiner, I. Bertolo
Ingegneria civile: Dr. Lüchinger + Meyer AG; Zurigo
Ingegneria RVCS: HL-Technik AG, Zurigo
Geologia: Dr. Heinrich JäckliAG; Zurigo
Fisica della costruzione: BAKUS; Zurigo
Paesaggista: Vogt Landschaftsarchitekten AG; Zurigo
Fotografia: Heinz Unger; Schlieren, burkhalter sumi architekten; Zurigo
Date: concorso 2001, realizzazione 2012