Scuo­la del­l'in­fan­zia, Sta­bio

La scuola dell'infanzia di Stabio tra il Monte Generoso e il centro storico: uno spazio ideale per i bambini.

Data di pubblicazione
15-10-2013
Revision
12-10-2015

Da lontano, due elementi caratterizzano il paesaggio: a nord il massiccio montuoso del Monte Generoso e a sud il centro storico di Stabio, sopra cui si erge il castello. Il progetto conserva la continuità del territorio tra questi due importanti punti di riferimento. La scuola materna si leva solitaria sul prato verde. Solo le vie d’accesso e i muri integrano nel luogo il nuovo intervento. Il volume compatto è caratterizzato da pochi elementi fondamentali. Un tetto imponente sovrasta il corpo di fabbrica e, con le sue aperture e deformazioni geometriche, contraddistingue le facciate principali e l’espressione architettonica dell’edificio. Composta da quattro sezioni, la scuola materna si fonda sulla relazione tra spazi interni ed esterni e sulla sequenza spaziale derivante da ciascuna unità.

I bambini devono poter vivere l’architettura e il suo potenziale spaziale in una forma decisamente giocosa, in quanto questo assunto è una componente importante del loro sviluppo personale. Momenti di estroversione e introversione si alternano in una sequenza scandita dalle diverse attività della giornata. Le relazioni spaziali orizzontali e verticali consentono di percepire l’interezza di ogni singola unità. Come in una piccola città, gli spazi di dimensioni e forme diverse creano identità, pubblico e privato – e i presupposti per l’orientamento –, mentre la luce e il colore definiscono la qualità dei diversi spazi.

Committente: Comune di Stabio

Architetti: Giraudi Wettstein Architetti, 2007-10; Lugano, Felix Wettstein, 2010-2013; Lugano

Direzione lavori: Piero Conconi; Lugano

Ingegnere: Edy Toscano Engineering & Consulting; Rivera

Fotografo: Alexandre Zveiger; Lugano

Date: concorso: 2007, realizzazione: 2011-2013

Magazine