Ge­stio­ne dei ri­fiu­ti edi­li nel ri­spet­to dell’am­bien­te

La Confederazione sottopone a revisione la propria ordinanza sui rifiuti, con l’obiettivo di conferire maggiore rilievo alla prevenzione e allo smaltimento. Questo stesso intento è condiviso anche dalla SIA che aggiorna la raccomandazione SIA 430 sulla gestione dei rifiuti di cantiere.

Data di pubblicazione
18-12-2018
Revision
18-12-2018
Bruno Schmid
Caposettore siti inquinati e smaltimento presso la Friedli Partner AG, presidente della commissione SIA 430

Non di rado è menzionata esplicitamente nelle licenze di costruzione rilasciate dalle autorità comunali: ci riferiamo alla raccomandazione SIA 430 sulla gestione dei rifiuti di cantiere (pubblicata nel 1993 in tedesco e francese). Come ben lascia presagire il titolo, la raccomandazione prescrive che tutti i rifiuti prodotti nel settore dell’edilizia e del genio civile durante gli interventi di trasformazione, nuova costruzione e demolizione di un’opera siano smaltiti nel rispetto dell’ambiente. Le basi legali della SIA 430 erano date dall’ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) del 10 dicembre 1990. All’inizio del 2016 l’OTR è stata sostituita dall’ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti (OPSR) che pone maggiore accento sull’aspetto della prevenzione, dello smaltimento e del riciclaggio. 

 

Nuovo modulo dell’UFAM sull’accertamento delle sostanze nocive 

In relazione alla nuova ordinanza sui rifiuti OPSR, l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) sta elaborando un aiuto all’esecuzione, contemplante diversi moduli che, una volta ultimati, potranno essere scaricati direttamente dal sito web dell’UFAM. Uno di tali moduli è rilevante anche per la SIA 230, in particolare quello sull’accertamento delle sostanze nocive. Il modulo descrive la procedura da adottare per rilevare le sostanze dannose contenute nei diversi materiali da costruzione e per elaborare un concetto di smaltimento. Dalla fine di maggio al 10 agosto 2018 la bozza del modulo sull’accertamento delle sostanze nocive era in consultazione, anche in seno alla SIA.

 

Opportuna una revisione della SIA 430

In considerazione di tutti questi cambiamenti, si è resa opportuna anche una revisione della SIA 430. Nel 2017 la Commissione SIA per le norme sostenibili e ambientali (KNU) e la Commissione centrale per le norme (ZN) hanno approvato la richiesta avanzata dalla commissione 430 e dato il via alla revisione. La raccomandazione SIA 430 sarà revisionata e aggiornata tenendo conto in particolare di due aspetti: gli obblighi spettanti ai diversi attori coinvolti, ai sensi del diritto in materia di rifiuti e in base alle fasi prescritte dalla norma SIA 112 Modello di pianificazione per progetti nel settore della costruzione, nonché l’organizzazione del cantiere. La questione della separazione e dello smaltimento dei rifiuti edili sarà invece trattata nel citato modulo sull’accertamento delle sostanze nocive contemplato dall’aiuto all’esecuzione dell’OPSR. Vi è inoltre un’altra novità degna di nota. La SIA 430 consisteva finora in una parte tecnica e in una parte organizzativa. Anche qui si è deciso di snellire. La parte tecnica è ora sottoposta a revisione, mentre si vuole integrare la parte organizzativa nella nuova norma SIA 118/430 sulle condizioni generali per lo smaltimento dei rifiuti edili.

Gli avamprogetti per la revisione della raccomandazione SIA 430 e della norma SIA 118/430 saranno presumibilmente posti in consultazioni a maggio 2019.

Articoli correlati