Si è con­cluso il con­cor­so per il Cen­tro pro­fes­sio­na­le del tes­si­le di Chi­as­so

Il concorso per la progettazione della nuova sede del Centro professionale tecnico del settore tessile di Chiasso si è concluso con la premiazione di «Cerniera», la proposta del gruppo interdisciplinare guidato dallo studio di architettura boltas bianchi architetti.

Publikationsdatum
17-12-2020

Il concorso, indetto il 22 ottobre 2019 e organizzato e diretto dalla Sezione della Logistica del Canton Ticino, chiedeva di progettare, in un terreno presso il comparto della stazione FFS di Chiasso, la nuova sede del Centro professionale tecnico del settore tessile, che aspira a diventare un punto di riferimento per la formazione in campo tessile riunendo la Scuola d’arti e mestieri di sartoria e la Scuola specializzata superiore di abbigliamento e design della moda. Scopo del progetto era anche la riqualifica dell'area dal profilo architettonico, con un'intervento che valorizzasse le relazioni tra il nuovo Centro e la città e aiutasse a orientare i flussi di persone e veicoli.

La giuria, composta dagli architetti Sandra Giraudi (presidente), Nicole Beier-Cabrini, Giacomo Guidotti, Stefano Moor e Martino Pedrozzi (supplente), dai rappresentanti dei committenti (Athos Berta, ingegnere, per la Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia; Claudio Andina, architetto e collaboratore personale del Consigliere di Stato M. Bertoli; e i supplenti Pedro Pablo Rodriguez, architetto, per la Sezione della logistica, e Diego Rodoni, ingegnere, per la Divisione delle costruzioni del Dipartimento del territorio), dai rappresentanti del Comune di Chiasso Rudy Cereghetti (ingegnere e Direttore dell’Ufficio Tecnico) e Gionata Cavadini (architetto, supplente) e coordinata dall’architetto Mirko Bonetti, ha analizzato i 51 progetti ammessi alla valutazione.

Il primo premio è stato attribuito a «Cerniera», la proposta del gruppo interdisciplinare capitanato dallo studio di architettura boltas bianchi architetti e composto da Ezio Tarchini ingegneria SA (per l'ingegneria civile), Studio d’ingegneria Visani Rusconi e Talleri (per gli impianti RCVS), studio d’ingegneria Notari Mauro (per gli impianti elettrotecnici), Eco Control SA (per la fisica della costruzione) e TEA sagl (specialista in sicurezza antincendio). Il progetto, recita il comunicato stampa diramato dal Cantone, è stato scelto «per la sua capacità di relazionarsi in modo preciso al sito grazie a un’attenta lettura del contesto urbano. L’edificio, una stecca allungata che riprende la geometria dei magazzini ferroviari esistenti, poggia sul nuovo zoccolo che, riprendendo la quota dello stabile principale della stazione, ne prolunga lo spazio pubblico sino al portico d’entrata della futura sede del Centro. I due accessi pedonali, uno da via Livio, l’altro dall’incrocio del sottopasso ferroviario di via Dunant, rafforzano e riqualificano il rapporto dell’intero comparto della stazione con il centro storico. La giuria ha apprezzato la semplicità e la coerenza di questo impianto che ha, inoltre, il merito di non precludere possibili relazioni spaziali e funzionali con l’area di sviluppo confinante a Ovest».

Al secondo posto si è classificato il progetto «TRAMA E ORDITO» del gruppo interdisciplinare capitanato da Gaggini Studio d’architettura, al terzo il progetto «The Factory» del gruppo interdisciplinare capitanato dalla comunità di lavoro formata da HOMA architetti sagl, in qualità di capofila, e dall’architetto Mauro Malisia. In quarta posizione si è classificato il progetto «Via Internazionale» del gruppo interdisciplinare capitanato dalla comunità di lavoro formata dallo studio d’architettura Hermes Killer sagl e da Hämmerli e Caccia Architetti, in quinta il progetto «CATWALK» del gruppo interdisciplinare capitanato da PESSINA ARCHIETTI. Al sesto posto si è classificato «FASHION VALLEY» del gruppo interdisciplinare guidato dallo studio MARIO BOTTA ARCHITETTI.  

Tutti i progetti saranno esposti nello Spazio Officina di Chiasso, in una mostra aperta al pubblico la cui data sarà comunicata nel corso della primavera.