Il Pre­mio Wak­ker 2020 va al­la Cit­tà di Ba­den

L’Heimatschutz Svizzera ha assegnato il Premio Wakker 2020 alla Città di Baden, che, investendo in modo accorto e intelligente negli spazi pubblici, ha saputo ovviare ai problemi generati dal traffico accrescendo la qualità di vita.

Data di pubblicazione
15-01-2020

Il centro storico di Baden è da tempo un importante crocevia. Ma se in passato ciò rappresentava un vantaggio commerciale, oggi si traduce in un aumento esponenziale del traffico che lede la qualità di vita. Ogni giorno ben 50'000 vetture circolano attorno alla Schulhausplatz, la piazza ai margini della città vecchia, la quale risulta uno dei punti più trafficati di tutta la Svizzera.

Baden non poteva certo rivoluzionare la pianificazione dei trasporti decisa a livello nazionale e cantonale, eppure non si è data per vinta – anzi. Ha posto l'accento sugli spazi liberi, invitato la popolazione a prendere coscienza del proprio valore cruciale e investito con costanza, sensibilità e tenacia nella valorizzazione delle piazze e delle strade.

Oggi il cuore della città è tutto pedonale, le strade e le piazze sono piene di vita e offrono un piacevole luogo di incontro. I giardini e i parchi storici sono assai curati e nelle aree di sviluppo sorgono nuovi spazi di uso pubblico.

Baden: da città per le auto a città per le persone

La città vecchia, racchiusa tra la Schlossbergplatz e la Schulhausplatz, si è trasformata in un luogo vivace, costellato di uffici, negozi e abitazioni. La qualità di vita si vede e si vive, ed è il frutto di una politica lungimirante e di una pianificazione continua, nonché della volontà espressa dalla popolazione di investire per rendere il centro cittadino più attrattivo e accogliente.

Antichi parchi, parte integrante dell’identità e della storia cittadina

L’impegno profuso da Baden per la tutela degli spazi aperti di uso pubblico si coglie anche nell’approccio attento e rispettoso dimostrato nel gestire giardini e parchi storici. L’esistenza di questi preziosi spazi verdi, curati nel rispetto delle disposizioni di conservazione e protezione stabilite per i giardini di valore storico, è garantita sul lungo periodo, assicurando la salvaguardia di un importante tassello di storia cittadina.

Garantire spazi pubblici nelle aree di sviluppo

Con la Trafoplatz, inaugurata nel 2003, e con il progetto della Brown-Boveri-Platz, la città mostra a chiare lettere che una densificazione edilizia rispettosa di elevati parametri qualitativi può riuscire soltanto se ai cittadini è garantito in cambio un bene prezioso come gli spazi aperti. Baden investe anche nelle aree che non generano a priori superfici utili e redditizie. Questo approccio è mirabile e va preso a titolo d'esempio in tutta la Svizzera, anche per altri sviluppi insediativi.

La consegna ufficiale del Premio Wakker si terrà il 27 giugno 2020, nell’ambito di una cerimonia pubblica che avrà luogo a Baden.

Il Premio Wakker dell’Heimatschutz Svizzera

 

Il Premio Wakker rende onore ai comuni che si impegnano nel favorire, con accortezza, uno sviluppo dell’abitato e degli insediamenti in linea con gli attuali orientamenti pianificatori. Tale impegno contempla, in particolare, la promozione della qualità architettonica delle nuove costruzioni, ma anche un approccio rispettoso alla sostanza edilizia storica, come pure una pianificazione esemplare, attenta alle esigenze ambientali. Il Premio è stato assegnato per la prima volta nel 1972 grazie a un lascito dell’uomo d’affari ginevrino Henri-Louis Wakker (1875-1972).
Dopo Laufenburg (1985), Turgi (2002), Aarau (2014) e Rheinfelden (2016), il Premio Wakker è conferito per la quinta volta a un Comune nel Cantone di Argovia.

 

Maggiori informazioni in merito al Premio Wakker, con l'elenco dei riconoscimenti conferiti, qui