Con­cor­so di ar­chi­tet­tu­ra: mo­del­lo fi­si­co o di­gi­ta­le?

Il primo concorso della Svizzera romanda valutato interamente in digitale, che ha per oggetto la futura Cité du Vin di Rolle (VD), è tanto affascinante quanto controverso. Invece di consegnare un modello in gesso, caratteristico dei concorsi svizzeri, i partecipanti hanno fornito il suo «gemello» digitale: un modello BIM. Feedback su una procedura innovativa che sfida le convenzioni.

Data di pubblicazione
08-08-2023

Di concorsi di architettura ne abbiamo visti e pubblicati a centinaia, ma la procedura su invito per la Cité du Vin di Rolle (VD) potrebbe certo segnare una svolta. Per la prima volta nella Svizzera romanda1, i partecipanti hanno sostituito il tradizionale modello bianco in gesso con un modello digitale BIM, molto più ricco di informazioni. Troppo ricco? Questa particolarità apre il dibattito sull’utilizzo dei modelli digitali fin dalle prime fasi di concezione e valutazione di un progetto.

Una procedura innovativa per un quartiere eccezionale

La scelta di una procedura di questo tipo, un «concorso digitale» di architettura e paesaggio su invito», come lo hanno definito il committente e gli organizzatori, non è il frutto di un capriccio. La futura Cité du Vin, situata a nord della stazione di Rolle, nella parte sud del sito di produzione vinicola di Schenk Suisse SA2, è un’operazione che rientra nell'ambito di un piano di quartiere in vigore che risponde al concetto di società a 2000 watt3. Questo progetto prevede la costruzione di un quartiere misto di quasi 43.000 m2 (SPc), composto da circa 350 appartamenti, da varie superfici commerciali, artigianali e amministrative, da una scuola primaria e da un grande parco pubblico. In questa scala urbana, e per soddisfare un’ambizione politica di questo tipo, il modello BIM è un’opzione molto efficace che permette di estrarre informazioni precise su ogni immobile, valutarne la performance ambientale, verificarne la validità normativa, confrontare la distribuzione dei diritti di costruzione o studiare il costo dell’operazione. Una serie di vantaggi a cui bisogna aggiungere le varie funzioni interattive offerte dalla digitalizzazione, che permettono di confrontare il layout e le sagome dei progetti e di valutare il loro impatto sugli spazi esterni attraverso una serie di punti di vista fissi imposti ai sei partecipanti.

Per un'azienda come Halter SA (fornitore di servizi globale), abituata ai progetti di ampia portata, i vantaggi offerti dalla realizzazione di un concorso BIM giustificano l’investimento umano, tecnico ed economico che ne consegue. Tuttavia, questa scelta implica necessariamente alcuni compromessi. Per compensare parzialmente il carico di lavoro supplementare dei partecipanti, l’organizzatore conferma che ha elaborato un capitolato d’oneri più sintetico e ha abolito il famoso modello in gesso bianco, che apparentemente non aveva più alcuna ragion d’essere. Il carico di lavoro è davvero diminuito? O la procedura ha costretto i partecipanti a orientare diversamente i loro sforzi?

Cos’è un «concorso digitale»?

Ad eccezione del BIM, i documenti presentati dai partecipanti sono identici a quelli di un concorso tradizionale, vale a dire tavole in formato A0 composte da planimetrie, sezioni e vari schemi, abbellite da immagini di sintesi accattivanti. Le principali differenze emergono al momento della valutazione dei progetti. Le tavole sono visualizzate su schermi di grande formato da una sessantina di pollici, l'equivalente di un A0. Ciascuna delle sei proposte è visualizzata su uno schermo individuale, in modo da poter scorrere tutti i progetti simultaneamente. Il modello BIM, progettato sulla base di una carta comune trasmessa ai partecipanti e verificata da un BIM manager, è progettato su un touch screen gigante dotato di varie funzioni interattive e impostabili.

Il collegio di esperti che deve giudicare le proposte deve mettere in atto una dinamica di gruppo totalmente diversa. I progetti sono valutati all’unisono visualizzando contemporaneamente le stesse immagini sullo schermo. Una nuova routine collettiva sostituisce le pratiche abituali, come la valutazione dei progetti in piccoli gruppi, le annotazioni manuali e gli schizzi o gli spostamenti liberi e spontanei. Il tutto senza un riferimento difficilmente sostituibile, come quello del modello in scala 1:500 osservato con la prospettiva a volo d’uccello. La visualizzazione dei progetti in realtà virtuale indossando occhiali 3D è anch’essa assente per motivi logistici.

Con o senza realtà virtuale, le qualità del progetto vincitore «un pour tous et tous dans le parc», progettato da Studio Vulkan, capofila del progetto in collaborazione con LRS Architectes e LVPH Architectes, sono indiscutibili. Schemi e visualizzazioni alla mano, l’identità e il carattere della futura Cité du Vin lasciano intravedere un frammento di città di una grande generosità spaziale, in cui paesaggio e natura si ergono a fattori preponderanti. Altre soluzioni dovrebbero rendere questo quartiere particolarmente sostenibile, come ad esempio il riutilizzo dei materiali provenienti da future demolizioni, la sistemazione dei nuovi parcheggi sui tracciati di quelli esistenti, il recupero del calore da una stazione di pompaggio dell'acqua del vicino lago e il mancato utilizzo di energia di origine fossile per riscaldare tutte le superfici grazie all’installazione di 2500 pannelli fotovoltaici. In questo stadio, possiamo concludere che i «concorsi digitali» sono garanti di un'alta qualità architettonica e paesaggistica? O queste soluzioni sarebbero emerse ugualmente in un concorso tradizionale?

I dati pesano più del gesso?

Il gesso e i dati sono gli strumenti di riferimento di due metodi di valutazione ben distinti. Se il primo risponde a logiche intuitive e implica un investimento umano e materiale collaudato, certamente discutibili ai giorni nostri, il secondo richiede un’infrastruttura tecnologica e risorse umane molto più importanti. Probabilmente è solo una questione di tempo, e di progressi tecnologici, prima che questi concorsi digitali, attualmente limitati a una manciata di partecipanti, diventino la norma. Ma prima che questa formula si diffonda su scala generale, è opportuno interrogarsi su questo futuro stravolgimento: i criteri di sostenibilità giustificano l'utilizzo di un modello digitale così preciso in fase di concorso? Si tratta di un trucco per ridurre la fase di progettazione preliminare e accelerare l’approvazione della domanda di costruzione? I partecipanti sono indennizzati a sufficienza per l’investimento supplementare richiesto? È necessario formulare un protocollo di valutazione condiviso tra promotori e progettisti, per evitare che i parametri fisici, economici o normativi fagocitino i fattori qualitativi? È possibile introdurre il BIM per un concorso aperto, senza indennizzi, senza escludere i piccoli team o i giovani uffici, rispettando al contempo una carta comune? Per finire, c’è una questione fondamentale: in fase di concorso, l’elaborazione di questi modelli intangibili apporta un valore aggiunto reale per i progettisti? Tenteremo di chiarire ulteriormente questo aspetto interpellando i partecipanti.

Per molte ragioni, il modello BIM sembra essere una soluzione adeguata per garantire vari obiettivi in tema di sostenibilità e di fattibilità per un’operazione immobiliare di questa portata. Tuttavia, non limiterà tutti i rischi e, paradossalmente, creerà una forte dipendenza dalle ultime tecnologie e il ricorso a esperti, architetti o ingegneri, formati nella materia. Qualunque cosa accada, questa procedura, unica nella Svizzera francese, crea un precedente che farà versare fiumi di inchiostro e... movimentare molti dati.

Questo testo si basa su una conversazione con Christian Bridel, architetto e membro della giuria, Mathilde Moos, rappresentante di Helvetia Insurance, e Guillaume Bourchet, responsabile tecnico del progetto presso Halter AG. La conversazione si è svolta il 22 marzo 2023 presso Halter AG a Losanna.

Concorso «Cité du Vin, Gare Nord – Schenk», Rolle (VD)

 

Impresa generale
Halter SA

 

Investitori
Helvetia Assurances, Previs Previdenza, Raiffeisen Cassa pensioni

 

Progetto vincitore
Studio Vulkan Landschaftsarchitektur, Zürich / LRS Architekten, Genf / LVPH Architekten, Pampigny

 

Altri partecipanti

  • Burckhardt+Partner, Lausanne/ Atelier Descombes Rampini, Genf
     
  • Harry Gugger Studio, Basel/ Westpol Landschaftsarchitektur, Basel
     
  • Itten+Brechbühl, Lausanne / Argemí Bufano Architectes, Genf / MAP Architecture du Paysage, Lausanne
     
  • RDR architectes, Lausanne / Forster Paysage, Prilly
     
  • Verzone Woods Architectes, Vevey / Magizan, Lausanne / emf paysagistes, Girona

 

Richiesta di permesso di costruzione
Autunno 2023

 

Inizio dei lavori di costruzione
Seconda metà del 2024

 

Realizzazione
Da metà 2027

Note

 

1 Questo tema è stato oggetto di un numero pubblicato da TEC21 nel 2022, relativo al primo concorso digitale per il centro dell'Università di Scienze Applicate dei Grigioni: TEC21 2022/21-22

 

Un concorso simile è stato indetto nel 2019 per la Lokstadt-Hallen di Winterthur, un nuovo quartiere urbano sul sito dell'ex fabbrica svizzera di locomotive e macchine SLM.

 

2 Plan de quartier – Gare Nord – Schenk

 

3 Alla fine del 2022, Rolle ha ottenuto il marchio «Cité de l'énergie», con un punteggio del 57,8%. Nell'ambito di questo processo, Rolle ha adottato un nuovo programma di politica energetica e climatica per il periodo 2022-2026, che stabilisce gli impegni del Comune in questo settore e definisce gli obiettivi da raggiungere per garantire lo sviluppo sostenibile del Comune.