Elo­gio del­la com­pres­sio­ne

archi 2018 5

CHF 20.00
Print Date

Prendendo spunto dalla definizione di Roland Barthes «le contemporain est l’inactuel», Archi si domanda in questo numero quanto la pietra naturale massiccia sia oggi un materiale contemporaneo. I saggi presentati riflettono sulle difficoltà connaturate ai metodi estrattivi, sulle peculiarità di ogni tipo di roccia, sulle procedure necessarie per arrivare a una soluzione costruttiva pertinente, sulle regole compositive che gli architetti adoperano per rispondere alle esigenze del materiale e a tutte le sue particolari declinazioni nella definizione del rapporto con la forma.

Articoli pricipali:

  • Costruire in pietra: l’altro moderno e il contemporaneo, Mercedes Daguerre
  • La pietra naturale massiccia – O l’operazione di trasformare una cava in edificio1, Stefano Zerbi
  • Sobrio e frugale, Gilles Perraudin
  • C’è abbastanza pietra in Svizzera? Guillaume Habert
  • Alloggi sociali, Bry-sur-Marne, Eliet & Lehmann
  • Trasfigurazione di una casa, Ascona, wespi de meuron romeo architetti
  • Padiglione di ingresso agli scavi dell’Artemision, Siracusa, Vincenzo Latina
  • Cave di Arzo – Riqualificazione dell’area e riuso degli stabili, Enrico Sassi
  • Ca’n Terra, Minorca, Ensamble Studio
  • Senza pietre non c’è arco: due passerelle a confronto, Stefano Zerbi
  • Trutg dil Flem, il ponte della cascata, Flims, Jürg Conzett
  • Passerelle interne dei bagni termali, Locarno, Moro & Moro