Con­cor­si Ti­ci­no

archi 2016 4

CHF 20.00
Print Date

È indispensabile moltiplicare l’impegno perché la cultura del concorso diventi cultura diffusa e «normale» e perché i concorsi migliorino il loro funzionamento, con l’unico obiettivo di aumentare la qualità dell’esito progettuale, come indica l’appassionato testo di Paolo Canevascini sulla situazione ticinese.

In Ticino, è difficile organizzare politiche urbanistiche coordinate, concepire progetti di scala conforme alla criticità delle questioni territoriali. L’istituto del concorso può essere uno strumento decisivo per perseguire il necessario salto di qualità.

Articoli principali:

  • Concorsi per il cambiamento, Alberto Caruso
  • Concorsi Ticino, Paolo Canevascini
  • Cinque anni di pratica dei concorsi a Ginevra (2011-2016), Francesco Della Casa
  • Procedure concorsuali, esperienze a Zurigo e dintorni, Dieter Zumsteg
  • Regolamento SIA 143, una procedura di concorso possibile, Elisa Cherubini, Stefano Tibiletti
  • Quando un privato organizza un concorso di architettura, Paolo Fumagalli
  • Scuola Agraria dell’Istituto Agrario Cantonale, Mezzana, conte pianetti zanetta architetti
  • Il comparto Masseria dell’Istituto Agrario Cantonale, Mezzana, Michele e Francesco Bardelli architetti
  • Centro commerciale e amministrativo, Melano, Baserga Mozzetti architetti
  • Piazza Centrale, Biasca, Lorenzo Cotti
  • La scuola dell’infanzia, Comano, Bianchi Boltas architetti