Città in legno IV

Editoriale

Oggi l’espressione formale delle costruzioni in legno è variegata e incisiva. La materia prima legno sta diventando quello che nella metà del secolo scorso è stato il calcestruzzo.

Danielle Fischer Redattrice Architettura TEC21

Julia Selberherr Dr., Manager, Wüest Partner

Michael Reinhard Abteilungschef Wald BAFU

Christoph Starck

Oggi l’espressione formale delle costruzioni in legno è variegata e incisiva. Grazie all’intraprendenza dei progettisti, agli studi sul materiale e ai nuovi processi di  produzione, la materia prima legno sta diventando quello che nella metà del secolo scorso è stato il calcestruzzo: l’espressione architettonica di un’epoca. Le facciate in legno non sono più soltanto lisce, ma presentano sporgenze e rientranze e l’articolazione delle piante le porta ad assumere forme più fantasiose. La libertà espressiva dell’involucro architettonico è però legata ad aspetti funzionali e costruttivi relativi ad altri materiali.

La variante più diffusa è l’ibrido legno-calcestruzzo, anche se la gamma si fa sempre più ampia – in alcune costruzioni il legno costituisce la struttura portante ed è nascosto dietro a un rivestimento di altra natura, in altre viene declinato in moduli prefabbricati e preintona­cati, in altre ancora, i sistemi di facciata a pannelli intelaiati contengono, oltre ai rivestimenti isolanti e alle finestre, anche le installazioni tecniche.

Oggi come ieri, il legno è l’unica materia prima rinnovabile per l’edilizia che è anche in grado di assorbire CO2. Considerati gli altri settori dell’industria edile e l’enorme patrimonio di vecchie ­costruzioni che vengono rinnovate con il legno o ampliate con sopraelevazioni, è fondamentale armonizzare perfettamente le interfacce tra materiali edili ed elementi costruttivi con, ad esempio, l’utilizzo di componenti riciclati ma anche di nuovi elementi riciclabili, l’impiego di materiali non trattati e a basso contenuto  di solventi, senza collanti né viti, nonché un uso a cascata diversificato.

I megatrend costituiscono un ambito da esplorare per definire dove sviluppare ­risposte opportune a tali problematiche. Saremo lieti di condividere con voi ogni nuova conoscenza.

ll progetto «Città in legno» realizzato per l’Ufficio federale dell’Ambiente UFAM com­prende le pubblicazioni, le serie di eventi organizzata da Wüest Partner, le visite guidate ad alcuni tra i più interessanti edifici in legno, nazionali ed esteri, organizzate da Lignum, Economia svizzera del legno.

Nei prossimi tre anni inoltre verranno analizzati sistematicamente precisi aspetti del costruire in legno. Tutte le attività e le pubblicazioni saranno accessibili online sul portale www.espazium.ch/costruzione-in-legno. Sarà possibile trovare, oltre a molti altri interventi sul tema, anche le precedenti pubblicazioni monografiche «Città in legno», con le quali abbiamo analizzato la relazione tra costruire in legno e ambiente (Città in legno I – «Percorrere nuove vie»), lo sviluppo nel mercato immobiliare (Città in legno II – «Costruzioni in legno nel contesto urbano») e le rinnovate normative anti-incendio (Città in legno II – «Utilizzare il legno è diventato più semplice») e legno nel contesto dei megatrend (Città in legno III – «Megatrend come forza motrice»).

Articoli affini

ARCHIVIO: Le edizioni dal 2013

Abbonarsi Archivio